Dove si balla – Dargen D’Amico

#SPUNTIDIFANTASIA! – Musica e parole

Continuiamo l’analisi delle canzoni che hanno partecipato all’ultima edizione del Festival di Sanremo: oggi ci dedichiamo al brano che sta spopolando in radio e altri canali musicali, interpretato da Dargen D’Amico

Dove si balla

Il brano “Dove si balla” è un invito alla leggerezza in questo periodo difficile (“Dove si balla, Fottitene e balla, Tra i rottami, Balla per restare a galla, Negli incubi mediterranei”). Si balla tra le incertezze, tra momenti difficili e situazioni complicate legate chiaramente alla pandemia. La musica dance diventa antidoto alla quotidianità (“Dai metti la musica dance, Che tremano i vetri di casa, E la sente la sente la sente, Anche un parente di giù, (Ciao zio Pino!)”).

Il testo di Dove si balla vede la firma dello stesso Dargen d’Amico (che si definisce “cantautorap“) insieme a Gianluigi Fazio ed Edwyn Roberts. Sempre loro sono presenti nella musica con la collaborazione di Andrea Bonomo.

In “Dove si balla”, Dargen D’Amico ha inserito delle sonorità dance che ricordano moltissimo gli anni Novanta, le quali si fondono con l’indie-pop moderno. 


Il vero nome di Dargen D’Amico è Jacopo D’Amico ed è nato a novembre del 1980. E’ rapper, produttore e dj. Il primo disco pubblicato risale al 2006 e si intitola “Musica senza musicisti” e vede 23 tracce presenti. Due anni dopo ha rilasciato “Di vizi di forma virtù”, seguito poi dal disco “CD‘”

Dargen D’Amico è sempre stato uno degli autori più presenti al Festival: ineccepibile il suo lavoro autoriale sia in “Glicine” di Noemi, che nella finalista “Chiamami per nome” di Fedez e Francesca Michielin.

Ha rivelato che, tra le sue influenze, ci sono Franco Battiato, Enzo Jannacci e Lucio Dalla. Ha raccontato più volte di essere un grande fan di Dalla, citandolo apertamente nel video ufficiale di Nostalgia istantanea (in cui viene realizzato un dipinto) e nel brano Come l’Italia e San Marino.

Buon ascolto!

Link