IFTS – Tecnico della sostenibilità ambientale e della qualità nei processi industriali – Green & Energy Specialist

IFOA REGGIO EMILIA

Corso in partenza a breve.

https://www.ifoa.it/corsi/pd-ambiente_energia-tecnico-della-sostenibilita-ambientale-e-della-qualit-nei-processi-industriali-green-energy-specialist/

A chi è rivolto

Il corso si rivolge a 20 giovani e adulti, non occupati o occupati in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore, residenti o domiciliati in regione Emilia-Romagna.

L’accesso è consentito anche a coloro che sono stati ammessi al quinto anno dei percorsi liceali o che sono in possesso del diploma professionale conseguito in esito ai percorsi di quarto anno di istruzione e formazione professionale.

Come funziona

L’ammissione al corso è subordinata al superamento di prove di selezione attitudinali, tecniche e colloquio motivazionale:

  • La prova attitudinale (test scritti) è volta a misurare la capacità di esecuzione e riuscita in differenti aree significative per la figura professionale in uscita.
  • La prova tecnica scritta per accertare la conoscenza di base di Informatica, matematica e inglese. 
  • Il colloquio individuale ha lo scopo di accertare la motivazione alla partecipazione e l'interesse per il settore specifico del corso, oltre alle capacità organizzative, di comunicazione efficace con gli altri e di lavorare in team.

I candidati che avranno perfezionato la procedura di iscrizione al corso riceveranno una mail di convocazione alle prove scritte di selezione che si terranno, presso la sede IFOA di Reggio Emilia.

Cosa imparerai a fare

Il corso è finalizzato a formare uno specialista in possesso delle seguenti competenze:

  • definire il comportamento ambientale di un’azienda e tradurlo in un sistema strategico di gestione e prestazione ambientale condivisa e responsabile;
  • applicare l’economia circolare ai processi produttivi;
  • attuare e implementare un sistema di gestione integrato qualità, sicurezza, ambiente ed energia;
  • contribuire al conseguimento degli obiettivi di transizione verde identificati dal Patto per il Lavoro e il Clima ER 2020, della EU Skills Agenda 2020, di Agenda 2030 dal GREEN DEAL dell’EU;
  • valutare le potenzialità di nuove tecnologie e fonti energetiche rinnovabili in coerenza con gli obiettivi definiti, le risorse economiche e gli investimenti necessari.

Quanto costa e modalità di pagamento

Il corso è interamente gratuito poichè finanziato con risorse del FSE+ 2021-2027 e dalla Regione Emilia-Romagna.

Volontariato Europeo in Portogallo nella Sezione Giovanile della Croce Rossa portoghese

Juventude Cruz Vermelha (JCV) rappresenta il ramo giovanile della Croce Rossa Portoghese, operando su base volontaria con l'obiettivo primario di potenziare la resilienza dei giovani nelle comunità locali. Con oltre 2.000 giovani volontari distribuiti in oltre 90 località, JCV gestisce oltre 250 progetti sul campo, beneficiando circa 50.000 persone ogni anno.

Il progetto ESC Acting Local, Changing Global II (3 Call), coordinato dalla Cruz Vermelha, è in cerca di 17 volontari per le sedi di Braga, Guimarães, Sanguedo, Vale de Cambra, Bragança e Cucujães.

Per maggiori informazioni scarica l’infopack.

A chi è rivolto
Le persone selezionate dovranno rispettare i seguenti requisiti:

  • Dai 18 ai 30 anni
  • Interesse per il settore del lavoro sociale ed educativo
  • Flessibilità e affidabilità
  • Motivazione a vivere in Portogallo per un anno e a imparare la lingua
  • Capacità di vivere in un contesto multilinguistico e multiculturale
  • Capacità di lavorare in gruppo ma anche in autonomia
  • Buoni doti comunicative

Mansioni
Le persone selezionate parteciperanno a varie attività quali per esempio:

  • Promozione dei valori per una vita sana
  • Lavorare all’inclusione sociale dellɜ bambinɜ e giovani vulnerabili
  • Participare ad attività in scuole e contesti educativi
  • Collaborare nelle varie strutture giovanili di competenza della Croce Rossa Portoghese
  • Pianificare eventi, attività di comunicazione e social
  • Possibilità di realizzare il proprio progetto personale

Processo di selezione
Solo i/le candidati/e preselezionati/e saranno ricontattati/e.

Termini e condizioni
Come per gli altri progetti di volontariato, è previsto un rimborso per le spese di viaggio fino ad un massimale stabilito dalla Commissione europea. Vitto, alloggio, corso di lingua, formazione, tutoring, pocket money mensile e assicurazione sono coperti dall’organizzazione ospitante.

Per candidarsi al volontariato occorre compilare il form in fondo alla seguente pagina, allegando CV, una lettera motivazionale tutto in INGLESE e completo di foto. La vostra associazione di invio sarà ASSOCIAZIONE JOINT senza bisogno di aver preso contatto in anticipo. Se selezionati, si dovrà partecipare ad una formazione pre-partenza.

Scadenza 30 giugno 2024

Lavoro all’estero nel settore turistico-alberghiero per 4000 profili professionali

Eures, grazie all’evento online “Seize the summer with EURES 2024” offre lavoro all’estero nel settore turistico-alberghiero per 4000 profili professionali.

Nel corso dell’evento di reclutamento online “Seize the summer with EURES 2024”, tenutosi il 21 e il 22 febbraio sulla piattaforma delle Giornate europee del lavoro, sono state annunciate circa 4000 opportunità di lavoro in vari settori legati al turismo, all’ospitalità e alla ristorazione.

Le posizioni aperte sono offerte da 235 datori di lavoro provenienti da 13 Paesi diversi, tra cui Portogallo, Spagna, Francia, Croazia, Malta, Slovenia, Grecia, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Irlanda e Germania. Queste opportunità rimarranno disponibili per la candidatura fino al 22 aprile, salvo eventuali scadenze anticipate specifiche per ogni offerta.

Profili ricercati

Maggiori informazioni
Per consultare i singoli bandi, visita la pagina ANPAL Eures

Guida alla candidatura
Per visualizzare tutte le posizioni ancora disponibili, è possibile cliccare consultare le offerte per ciascun Paese elencato e seguire le istruzioni di candidatura

Scadenza 22 aprile 2024

Offerta di lavoro per: BARISTI/E E BAGNINI/E

Centro Sportivo Monte Pelpi è alla ricerca di bagnini/e e baristi/e per la stagione 2024.

Per svolgere la mansione di bagnino/a è indispensabile essere muniti di regolare brevetto.

Per informazioni tel. +393273171350
Inviare le candidature a: info@teressrl.it o info@centrosportivomontepelpi.it

Il mondo del lavoro ricerca… CAMERIERE

CHI E’ IL CAMERIERE?
Il cameriere è una figura professionale un po’ particolare, molto di più di quello che si è abituati a pensare. Chi svolge questo mestiere non può farlo in maniera standard in tutti i posti in cui presta la sua opera e chi fa parte di uno staff di camerieri deve conoscere il contesto in cui lavora, sapendosi quindi adattare alle varie situazioni e alle regole di comportamento che queste richiedono.


Per spiegare meglio il concetto appena descritto basti pensare che un cameriere che lavora in pizzeria sicuramente avrà un comportamento differente rispetto ad una figura che lavora presso un ristorante stellato.
Ovunque si lavori però, il cameriere fa da tramite fra i clienti e la cucina, è il primo volto del locale che appare, ma allo stesso tempo è anche il mezzo che deve trasmettere quello di cui la cucina necessita, andando magari a cercare di indirizzare le ordinazioni per rendere più agevole il compito di uno chef.
Il cameriere è anche un soggetto che deve essere in grado di comunicare tutto quello che avviene in cucina e deve essere preparato per quanto riguarda ciò che il locale ha da proporre.
Deve essere in grado di mettere a proprio agio i clienti, farli sentire i benvenuti e a volte come se fossero a casa o per lo meno in un luogo familiare, deve essere cortese e accontentare le richieste degli avventori, ovviamente nell’ambito delle sue possibilità, e far sentire tutti coccolati e anche un po’ viziati.
Il suo obiettivo è quindi prendersi cura dei clienti in modo da invogliare a tornare più volte nel locale.


CHE COSA FA UN CAMERIERE?
Un cameriere deve essere in grado di rispecchiare i principi e i valori del ristorante; queste figure devono essere in grado di avere molta resistenza, stare molte ore in piedi, avere molte resistenza mentale e un’alta sopportazione allo stress.
Deve essere una persona positiva, competente, la figura di riferimento del cliente nonché il suo interlocutore; deve essere cortese, disponibile e rispecchiare l’immagine del locale.
I compiti di un cameriere quando il ristorante è aperto sono molteplici.
1) Accogliere i clienti e accompagnarli al tavolo. Accogliere un cliente dopo essere entrato nel locale vuol dire chiedergli se hanno prenotato e a che nome e, nel caso di risposta negativa, chiedere in quante persone vogliono mangiare e verificare la disponibilità o meno di un tavolo.
Dopo essersi assicurati della possibilità di far accomodare i clienti è premura di un cameriere accompagnare i clienti al loro posto, dargli il menù e informarsi se qualche commensale può avere o meno allergie o intolleranze particolari.
2) Prendere le ordinazioni e comunicarle alla cucina. In questa parte del lavoro, è importante che un cameriere dimostri la sua preparazione riguardante il menù descrivendo tutti gli ingredienti che compongono i piatti e deve essere in grado di comunicare tempestivamente nel caso in cui venga a mancare un ingrediente o un piatto dal menù. Un professionista competente oltretutto deve essere in grado di prendere le giuste comande, utilizzando i mezzi tradizionali oppure le nuove tecnologie di gestione degli ordini.
Per ultimo il cameriere deve servire i piatti al tavolo e sparecchiare la tavola.
Si ricorda che nel caso in cui si lavori per un ristorante di un certo livello, è importante tener conto delle regole del galateo che permetteranno al luogo in cui si lavora di mantenere un certo tono e rigore.
Se si lavora in posti più informali e alla mano è comunque necessario seguire delle precise regole, ma non sarà necessario conoscere tutte le regole dell’etichetta, ma rimane fondamentale seguire le regole della buona educazione.
3) Prendersi cura dei clienti. Il cameriere non deve mai far sentire abbandonati i commensali; ogni tanto è bene che un cameriere vada ai tavoli a lui assegnati per chiedere ai clienti se hanno bisogno di qualcosa, se va tutto bene o se può fare qualcosa per loro.
Attenzione però perché queste accortezze devono essere fatte nei momenti giusti, in modo da lasciare privacy ai commensali e non farli sentire a disagio o sotto pressione.
4) Essere in grado di concludere le portate al tavolo. Questo genere di servizio viene generalmente effettuato dai ristoranti più lussuosi e richiede una preparazione specifica ed adeguata.
Ciò che normalmente si intende come conclusione della preparazione di un piatto al tavolo significa effettuare delle mansioni che sono necessarie per servire al meglio il piatto ordinato: in questo specifico caso rientrano azioni, come pulire un pesce intero davanti ai commensali, ma anche “flambare” (sfumare il cibo con fiamma libera) particolari pietanze che prevedono questa preparazione sul finire della ricetta oppure dare fuoco alla superficie della creme brulè o la crema catalana per caramellare gli zuccheri in superficie.
5) Consegnare il conto. Richiedere il conto può essere fatto dal cliente tramite un semplice gesto della mano oppure tramite una richiesta esplicita al cameriere. Un professionista che si rispetti, prima di portare uno scontrino a qualsiasi tavolo, deve controllare che lo scontrino contenga le comande corrette e non abbia più o meno voci del dovuto. Sia la consegna che la ripresa dei contanti al tavolo deve essere fatta con discrezione per non mettere a disagio il cliente e porre attenzione a dare il giusto resto nel caso in cui si paghi in contanti.
6) Organizzazione del servizio. Ovviamente ci sono altre mansioni che un cameriere deve svolgere nell’ambito delle sue competenze. Quando il ristorante è chiuso, prima dell’apertura serale, un cameriere deve essere sul posto di lavoro prima dell’apertura delle porte, deve assicurarsi dell’igiene del locale, preparare i tavoli e la mise en place, prendere le prenotazioni dei tavoli qualora un cliente chiamasse per fermare un tavolo. Una volta chiuso il locale invece, un cameriere avrà il compito di lavare i pavimenti, sparecchiare gli ultimi tavoli, portare le posate e tovaglie sporche in cucina ed eventualmente dare una mano a chiudere la cucina e l’intero locale.

LE TIPOLOGIE DI CAMERIERE
I camerieri possono lavorare in più luoghi di lavoro come i ristoranti stellati, le tavole calde, gli agriturismi, le pizzerie, etc.
Esistono però altre tipologie di camerieri che non per forza devono lavorare nei luoghi in cui si svolgono solamente il servizio pomeridiano o serale di ristorazione.
Le principali tipologie di cameriere sono quindi:
1) Cameriere presso bar. Questa è la probabilmente più semplice da imparare. Le principali mansioni sono quelle che prevedono la preparazione delle bevande e delle pietanze molto semplici (ad esempio un toast) e servirle ai tavoli. Il mood di chi lavora per questa tipologia di locali dev’essere allegro, simpatica, sempre con il sorriso e conviviale; non ci sono particolari regole da seguire per quanto riguarda il servizio, di certo deve essere eseguito con garbo ma per lo più si devono seguire le regole dell’educazione e del buonsenso e non quelle dell’etichetta.
2) Cameriere di sala. Può lavorare sia a pranzo che a cena; è la tipologia di professionista che è stata per lo più descritta finora e solitamente lavora presso i ristoranti, le pizzerie e anche negli alberghi.
In base alla tipologia di ambiente deve essere in grado di adattarsi anche al tipo di clientela; un cameriere che prende servizio presso un ristorante a cinque stelle, oppure presso la sala di un hotel di lusso, deve essere in grado di rispecchiare lo stile del luogo in cui si trova. Tutto parte dall’aspetto fisico; curato, posato, garbato. Deve vestirsi in maniera consona e deve saper trattare con un certo tipo di clientela; fra i compiti a lui assegnati, deve essere in grado di leggere le regole dell’etichetta e comportarsi di conseguenza. Un professionista deve essere in grado di leggere ciò che un commensale vuole comunicare semplicemente da come le posate vengono posizionate sul piatto, deve conoscere le modalità con cui servire le pietanze, versare il bicchiere; deve essere discreto, disponibile e deve essere in grado di comportarsi.
Mentre un cameriere di sala di un ristorante prende servizio solamente a pranzo o a cena, o entrambi i momenti, un cameriere di hotel può anche prendere servizio la mattina, per l’orario di colazione.
3) Cameriere sulle navi da crociera. I compiti svolti da un cameriere da crociera sono praticamente gli stessi di un cameriere di sala; deve svolgere servizio durante la colazione, pranzo e cena e ovviamente tutte le fasi che precedono e antecedono i pasti. Ciò che deve avere in più un cameriere da crociera rispetto agli altri è sapere più lingue possibili, in modo da comunicare e mettere a proprio agio la maggior parte di clienti e soprattutto deve essere in possesso del libretto di navigazione, senza il quale non gli sarebbe nemmeno consentito di salire a bordo. Questo attestato gli permette di intervenire sulla nave in caso di bisogno di un primo soccorso.
4) Cameriere ai piani. Il cameriere ai piani è una tipologia di professionista che lavora per lo più nelle strutture alberghiere. I suoi servizi sono richiesti normalmente in alberghi di lusso, per cui è importante che sia una figura estremamente discreta ma efficiente. Le sue mansioni sono molteplici come pulire e rifare le camere degli ospiti, dare informazioni sull’hotel se richiesto, soddisfare le richiesta dei clienti (soprattutto se sono dei personaggi di spicco), supportare il personale della lavanderia e mantenere l’ordine nei piani.
5) Cameriere in case private. Nello specifico caso parliamo di maggiordomi e camerieri che lavorano nelle casa di privati. Queste figure hanno il compito di provvedere all’ordine della casa, i servizi domestici a 360° e che tutto quello che concerne al funzionamento della casa fili liscio.

COME DIVENTARE CAMERIERE?
Possono esserci più strade per intraprendere questa professione.
Se l’obiettivo è quello di guadagnare qualche soldo in più, arrotondare le proprie entrate e imparare un mestiere, allora il miglior consiglio che si può dare è quello di trovare una sorta di secondo lavoro e fare esperienza. Lavorare all’interno di una pizzeria non richiede delle particolari conoscenza delle buone maniere e dell’etichetta, ma ci si deve servire per lo più di buona volontà, resistenza allo stress e voglia di lavorare.
Se invece si desidera lavorare in grandi ristoranti la questione è leggermente differente. Si consiglia di frequentare una scuola alberghiera, prestare molta attenzione alle lezioni di sale e ottenere un diploma dell’Istituto alberghiero; nel caso in cui si decida di intraprendere questa professione in età leggermente più avanzata, allora si potranno seguire dei corsi specifici per diventare cameriere per grandi ristoranti e alberghi.
In questi corsi si imparerà a comportarsi con garbo, a seguire le buone maniere, imparare a leggere i segnali dei clienti, a consigliare le pietanze ai commensali indecisi, versare le bevande nella maniera corretta, etc.
Per completare il proprio percorso si deve trovare un luogo disposto a mettere in pratica tutto ciò che si è imparato durante il corso e diventare un cameriere professionista impeccabile.

Eco femminismo e uguaglianza di genere – Training Course Erasmus+ in Portogallo

L'associazione EUROSUD propone un corso di formazione internazionale in Portogallo.

l progetto "Ecofeminism: work towards an equal and green youth" si propone di affrontare l'ineguaglianza di genere nel contesto ecologico, evidenziando il ruolo delle donne nel contesto del cambiamento climatico. L'obiettivo generale è quello di promuovere l'inclusione sociale delle ragazze e delle donne attraverso pratiche sostenibili (eco-femminismo).

Obiettivo principale
Le attività del progetto includono incontri interculturali per definire il piano d'azione, formazione sull'ecofemminismo per youth worker, sessioni locali con i giovani per esplorare i temi dell'ecofemminismo, dell'uguaglianza di genere e dell'inclusione sociale, e analisi del contesto sociale locale. La metodologia utilizzata è quella dell'educazione non formale e prevede attività di riflessione individuali e di gruppo.

Destinatari
Possono partecipare giovani dai 18 ai 30 anni interessati alle tematiche del progetto.

Sede del progetto
Porto è una città sulla costa nel nord-ovest del Portogallo. Nel quartiere medievale di Ribeira (che significa "riva del fiume"), strette stradine acciottolate passano in mezzo ai caffè e alle case dei vecchi mercanti.

Alloggio
I partecipanti alloggeranno all'interno della struttura dedicata.
Porto Lounge Hostel & Guesthouse Rua do Almada 317, União de Freguesias do Centro, 4050-038 Porto, Portogallo –

Date
12 MAGGIO 2024 giorno di arrivo;
18 MAGGIO 2024 giorno di partenza.

Condizioni
Sono finanziate dal programma Erasmus+ le spese di vitto+alloggio+ 2 coffee breaks. Contributo di partecipazione per associazione di invio pari a 50 euro.
Si precisa che la quota copre le spese di gestione del progetto, invio documenti in originale Youth-pass e spese di pubblicazione call su website, oltre alle attività locali svolte dall'associazione.​
Il viaggio sarà rimborsato sino ad un massimo di 360 euro complessivi andata e ritorno.

Candidatura
Per candidarsi è necessario compilare il modulo di candidatura. Le selezioni verranno chiuse al raggiungimento del numero dei partecipanti.

Contatti
EUROSUD
E-mail eurosudngo@gmail.com
Mobile:+39 339 86599 54

Siti di Riferimento
INFO + MODELLO DI CANDIDATURA


Offerta di lavoro: GUIDA E OPERATORE MUSEALE

Il Castello di Compiano (PR) è alla ricerca di una risorsa da inserire all’interno dell’organico delle collezioni museali, atta a svolgere il ruolo di operatore e guida museale:

Al/alla candidato/a è richiesto:

1) il titolo minimo di diploma di scuola superiore;
2) la buona conoscenza della lingua inglese e di un’eventuale lingua straniera aggiuntiva;
3) la residenza in territorio limitrofo (Valtaro/Valceno);
4) la capacità di relazionarsi con il pubblico in maniera chiara, puntuale e coinvolgente;
5) eventuale esperienza pregressa nel medesimo ruolo lavorativo o in qualità di guida turistica abilitata
6) la disponibilità dal mese di marzo 2024 A TURNAZIONE CON ALTRI COLLEGHI principalmente nei weekend (venerdì, sabato e domenica e nei mesi di luglio e agosto anche infrasettimanalmente), oltre a quella saltuaria di alcuni turni serali, in occasione di eventi e visite private.

Il contratto proposto sarà “a chiamata”.
Saranno prese in considerazioni SOLO le candidature inviate complete di curriculum vitae aggiornato Inviare CV a: info@castellodicompiano.it