Offerte di lavoro al 9 Aprile 2024 – Lavoro X Te

Ecco un elenco di profili lavorativi ricercati, segnalati dal CPI del territorio. Ricordiamo che tutte le posizioni sono consultabili sul portale Lavoro X Te Emilia Romagna

I profili ricercati sono:

n. 1 Impiegato/a Contabile a Fornovo Taro
n. 1 Saldocarpentiere a Medesano
n. 1 Responsabile di Officina a Varano De’ Melegari
n. 1 Operaio/a Edile a Tornolo
n. 1 Assistente alla persona a Varano De’ Melegari

Per candidarti:
vai su http://lavoroperte.regione.emilia-romagna.it
usa l’App Lavoro per Te
Hai bisogno d’aiuto? Guarda il tutorial: http://www.youtube.com/watch?v=8iyYR-xb2i0

Puoi anche contattare il Centro per l’Impiego di Borgo Val di Taro:

OPEN TO WORK – Bedonia, 20 Marzo 2024

Mercoledì 20 Marzo a Bedonia, si è svolta la seconda edizione di OPEN TOWORK, evento promosso da Informagiovani Taro Ceno,  in collaborazione con IIS ZAPPA FERMI e HI TECH FARM, rivolto alle classi 4a e 5a superiore, e a tutta la cittadinanza interessata a partecipare.

L'obiettivo dell'incontro è stato quello di promuovere un dialogo, tra studenti prossimi al diploma e persone in cerca di occupazione e le realtà lavorative e formative che il nostro territorio offre; la giornata ha infatti dato modo di illustrare le svariate opportunità che si possono cogliere per costruire il proprio futuro.

L'evento si è aperto con l'illustrazione dei corsi di formazione post diploma da parte degli esperti ITS e IFTS, e CPI del territorio, a cui sono seguiti gli interventi delle diverse realtà produttive presenti nelle zone della Val Taro e Val Ceno, dal settore meccanico e industriale, a quello economico, tecnologico, ambientale e enogastronomico, con spazio anche per le associazioni di categoria.

Al termine, i ragazzi hanno rivolto molte domande agli addetti ai lavori, dimostrando di aver gradito l'opportunità di avere un confronto con il mondo del lavoro.

Al termine dell'incontro, ai presenti è stato offerto un buffet curato da "Fantasia InMensa" di Fornovo Taro

Di seguito in allegato i video che sono stati presentati durante Open To Work.

Offerta di lavoro per: BARISTI/E E BAGNINI/E

Centro Sportivo Monte Pelpi è alla ricerca di bagnini/e e baristi/e per la stagione 2024.

Per svolgere la mansione di bagnino/a è indispensabile essere muniti di regolare brevetto.

Per informazioni tel. +393273171350
Inviare le candidature a: info@teressrl.it o info@centrosportivomontepelpi.it

Il mondo del lavoro ricerca… CAMERIERE

CHI E’ IL CAMERIERE?
Il cameriere è una figura professionale un po’ particolare, molto di più di quello che si è abituati a pensare. Chi svolge questo mestiere non può farlo in maniera standard in tutti i posti in cui presta la sua opera e chi fa parte di uno staff di camerieri deve conoscere il contesto in cui lavora, sapendosi quindi adattare alle varie situazioni e alle regole di comportamento che queste richiedono.


Per spiegare meglio il concetto appena descritto basti pensare che un cameriere che lavora in pizzeria sicuramente avrà un comportamento differente rispetto ad una figura che lavora presso un ristorante stellato.
Ovunque si lavori però, il cameriere fa da tramite fra i clienti e la cucina, è il primo volto del locale che appare, ma allo stesso tempo è anche il mezzo che deve trasmettere quello di cui la cucina necessita, andando magari a cercare di indirizzare le ordinazioni per rendere più agevole il compito di uno chef.
Il cameriere è anche un soggetto che deve essere in grado di comunicare tutto quello che avviene in cucina e deve essere preparato per quanto riguarda ciò che il locale ha da proporre.
Deve essere in grado di mettere a proprio agio i clienti, farli sentire i benvenuti e a volte come se fossero a casa o per lo meno in un luogo familiare, deve essere cortese e accontentare le richieste degli avventori, ovviamente nell’ambito delle sue possibilità, e far sentire tutti coccolati e anche un po’ viziati.
Il suo obiettivo è quindi prendersi cura dei clienti in modo da invogliare a tornare più volte nel locale.


CHE COSA FA UN CAMERIERE?
Un cameriere deve essere in grado di rispecchiare i principi e i valori del ristorante; queste figure devono essere in grado di avere molta resistenza, stare molte ore in piedi, avere molte resistenza mentale e un’alta sopportazione allo stress.
Deve essere una persona positiva, competente, la figura di riferimento del cliente nonché il suo interlocutore; deve essere cortese, disponibile e rispecchiare l’immagine del locale.
I compiti di un cameriere quando il ristorante è aperto sono molteplici.
1) Accogliere i clienti e accompagnarli al tavolo. Accogliere un cliente dopo essere entrato nel locale vuol dire chiedergli se hanno prenotato e a che nome e, nel caso di risposta negativa, chiedere in quante persone vogliono mangiare e verificare la disponibilità o meno di un tavolo.
Dopo essersi assicurati della possibilità di far accomodare i clienti è premura di un cameriere accompagnare i clienti al loro posto, dargli il menù e informarsi se qualche commensale può avere o meno allergie o intolleranze particolari.
2) Prendere le ordinazioni e comunicarle alla cucina. In questa parte del lavoro, è importante che un cameriere dimostri la sua preparazione riguardante il menù descrivendo tutti gli ingredienti che compongono i piatti e deve essere in grado di comunicare tempestivamente nel caso in cui venga a mancare un ingrediente o un piatto dal menù. Un professionista competente oltretutto deve essere in grado di prendere le giuste comande, utilizzando i mezzi tradizionali oppure le nuove tecnologie di gestione degli ordini.
Per ultimo il cameriere deve servire i piatti al tavolo e sparecchiare la tavola.
Si ricorda che nel caso in cui si lavori per un ristorante di un certo livello, è importante tener conto delle regole del galateo che permetteranno al luogo in cui si lavora di mantenere un certo tono e rigore.
Se si lavora in posti più informali e alla mano è comunque necessario seguire delle precise regole, ma non sarà necessario conoscere tutte le regole dell’etichetta, ma rimane fondamentale seguire le regole della buona educazione.
3) Prendersi cura dei clienti. Il cameriere non deve mai far sentire abbandonati i commensali; ogni tanto è bene che un cameriere vada ai tavoli a lui assegnati per chiedere ai clienti se hanno bisogno di qualcosa, se va tutto bene o se può fare qualcosa per loro.
Attenzione però perché queste accortezze devono essere fatte nei momenti giusti, in modo da lasciare privacy ai commensali e non farli sentire a disagio o sotto pressione.
4) Essere in grado di concludere le portate al tavolo. Questo genere di servizio viene generalmente effettuato dai ristoranti più lussuosi e richiede una preparazione specifica ed adeguata.
Ciò che normalmente si intende come conclusione della preparazione di un piatto al tavolo significa effettuare delle mansioni che sono necessarie per servire al meglio il piatto ordinato: in questo specifico caso rientrano azioni, come pulire un pesce intero davanti ai commensali, ma anche “flambare” (sfumare il cibo con fiamma libera) particolari pietanze che prevedono questa preparazione sul finire della ricetta oppure dare fuoco alla superficie della creme brulè o la crema catalana per caramellare gli zuccheri in superficie.
5) Consegnare il conto. Richiedere il conto può essere fatto dal cliente tramite un semplice gesto della mano oppure tramite una richiesta esplicita al cameriere. Un professionista che si rispetti, prima di portare uno scontrino a qualsiasi tavolo, deve controllare che lo scontrino contenga le comande corrette e non abbia più o meno voci del dovuto. Sia la consegna che la ripresa dei contanti al tavolo deve essere fatta con discrezione per non mettere a disagio il cliente e porre attenzione a dare il giusto resto nel caso in cui si paghi in contanti.
6) Organizzazione del servizio. Ovviamente ci sono altre mansioni che un cameriere deve svolgere nell’ambito delle sue competenze. Quando il ristorante è chiuso, prima dell’apertura serale, un cameriere deve essere sul posto di lavoro prima dell’apertura delle porte, deve assicurarsi dell’igiene del locale, preparare i tavoli e la mise en place, prendere le prenotazioni dei tavoli qualora un cliente chiamasse per fermare un tavolo. Una volta chiuso il locale invece, un cameriere avrà il compito di lavare i pavimenti, sparecchiare gli ultimi tavoli, portare le posate e tovaglie sporche in cucina ed eventualmente dare una mano a chiudere la cucina e l’intero locale.

LE TIPOLOGIE DI CAMERIERE
I camerieri possono lavorare in più luoghi di lavoro come i ristoranti stellati, le tavole calde, gli agriturismi, le pizzerie, etc.
Esistono però altre tipologie di camerieri che non per forza devono lavorare nei luoghi in cui si svolgono solamente il servizio pomeridiano o serale di ristorazione.
Le principali tipologie di cameriere sono quindi:
1) Cameriere presso bar. Questa è la probabilmente più semplice da imparare. Le principali mansioni sono quelle che prevedono la preparazione delle bevande e delle pietanze molto semplici (ad esempio un toast) e servirle ai tavoli. Il mood di chi lavora per questa tipologia di locali dev’essere allegro, simpatica, sempre con il sorriso e conviviale; non ci sono particolari regole da seguire per quanto riguarda il servizio, di certo deve essere eseguito con garbo ma per lo più si devono seguire le regole dell’educazione e del buonsenso e non quelle dell’etichetta.
2) Cameriere di sala. Può lavorare sia a pranzo che a cena; è la tipologia di professionista che è stata per lo più descritta finora e solitamente lavora presso i ristoranti, le pizzerie e anche negli alberghi.
In base alla tipologia di ambiente deve essere in grado di adattarsi anche al tipo di clientela; un cameriere che prende servizio presso un ristorante a cinque stelle, oppure presso la sala di un hotel di lusso, deve essere in grado di rispecchiare lo stile del luogo in cui si trova. Tutto parte dall’aspetto fisico; curato, posato, garbato. Deve vestirsi in maniera consona e deve saper trattare con un certo tipo di clientela; fra i compiti a lui assegnati, deve essere in grado di leggere le regole dell’etichetta e comportarsi di conseguenza. Un professionista deve essere in grado di leggere ciò che un commensale vuole comunicare semplicemente da come le posate vengono posizionate sul piatto, deve conoscere le modalità con cui servire le pietanze, versare il bicchiere; deve essere discreto, disponibile e deve essere in grado di comportarsi.
Mentre un cameriere di sala di un ristorante prende servizio solamente a pranzo o a cena, o entrambi i momenti, un cameriere di hotel può anche prendere servizio la mattina, per l’orario di colazione.
3) Cameriere sulle navi da crociera. I compiti svolti da un cameriere da crociera sono praticamente gli stessi di un cameriere di sala; deve svolgere servizio durante la colazione, pranzo e cena e ovviamente tutte le fasi che precedono e antecedono i pasti. Ciò che deve avere in più un cameriere da crociera rispetto agli altri è sapere più lingue possibili, in modo da comunicare e mettere a proprio agio la maggior parte di clienti e soprattutto deve essere in possesso del libretto di navigazione, senza il quale non gli sarebbe nemmeno consentito di salire a bordo. Questo attestato gli permette di intervenire sulla nave in caso di bisogno di un primo soccorso.
4) Cameriere ai piani. Il cameriere ai piani è una tipologia di professionista che lavora per lo più nelle strutture alberghiere. I suoi servizi sono richiesti normalmente in alberghi di lusso, per cui è importante che sia una figura estremamente discreta ma efficiente. Le sue mansioni sono molteplici come pulire e rifare le camere degli ospiti, dare informazioni sull’hotel se richiesto, soddisfare le richiesta dei clienti (soprattutto se sono dei personaggi di spicco), supportare il personale della lavanderia e mantenere l’ordine nei piani.
5) Cameriere in case private. Nello specifico caso parliamo di maggiordomi e camerieri che lavorano nelle casa di privati. Queste figure hanno il compito di provvedere all’ordine della casa, i servizi domestici a 360° e che tutto quello che concerne al funzionamento della casa fili liscio.

COME DIVENTARE CAMERIERE?
Possono esserci più strade per intraprendere questa professione.
Se l’obiettivo è quello di guadagnare qualche soldo in più, arrotondare le proprie entrate e imparare un mestiere, allora il miglior consiglio che si può dare è quello di trovare una sorta di secondo lavoro e fare esperienza. Lavorare all’interno di una pizzeria non richiede delle particolari conoscenza delle buone maniere e dell’etichetta, ma ci si deve servire per lo più di buona volontà, resistenza allo stress e voglia di lavorare.
Se invece si desidera lavorare in grandi ristoranti la questione è leggermente differente. Si consiglia di frequentare una scuola alberghiera, prestare molta attenzione alle lezioni di sale e ottenere un diploma dell’Istituto alberghiero; nel caso in cui si decida di intraprendere questa professione in età leggermente più avanzata, allora si potranno seguire dei corsi specifici per diventare cameriere per grandi ristoranti e alberghi.
In questi corsi si imparerà a comportarsi con garbo, a seguire le buone maniere, imparare a leggere i segnali dei clienti, a consigliare le pietanze ai commensali indecisi, versare le bevande nella maniera corretta, etc.
Per completare il proprio percorso si deve trovare un luogo disposto a mettere in pratica tutto ciò che si è imparato durante il corso e diventare un cameriere professionista impeccabile.

Offerta di lavoro: GUIDA E OPERATORE MUSEALE

Il Castello di Compiano (PR) è alla ricerca di una risorsa da inserire all’interno dell’organico delle collezioni museali, atta a svolgere il ruolo di operatore e guida museale:

Al/alla candidato/a è richiesto:

1) il titolo minimo di diploma di scuola superiore;
2) la buona conoscenza della lingua inglese e di un’eventuale lingua straniera aggiuntiva;
3) la residenza in territorio limitrofo (Valtaro/Valceno);
4) la capacità di relazionarsi con il pubblico in maniera chiara, puntuale e coinvolgente;
5) eventuale esperienza pregressa nel medesimo ruolo lavorativo o in qualità di guida turistica abilitata
6) la disponibilità dal mese di marzo 2024 A TURNAZIONE CON ALTRI COLLEGHI principalmente nei weekend (venerdì, sabato e domenica e nei mesi di luglio e agosto anche infrasettimanalmente), oltre a quella saltuaria di alcuni turni serali, in occasione di eventi e visite private.

Il contratto proposto sarà “a chiamata”.
Saranno prese in considerazioni SOLO le candidature inviate complete di curriculum vitae aggiornato Inviare CV a: info@castellodicompiano.it

📢OFFRESI: RIPETIZIONI


Francesco, laureato in scienze biologiche con maturità classica, impartisce ripetizioni, sulle seguenti materie:
📚per le scuole ELEMENTARI: materie letterarie, scienze( matematica e scienze) ed inglese.
📚Per la scuola MEDIA: ripetizioni, soprattutto sul metodo di studio, per tutte le materie umanistiche, lingua inglese e scienze.
📚Per le scuole SUPERIORI: scienze biologiche e storia/ filosofia, inglese.
Per info rivolgersi al personale Informagiovani
chiamata o whatsapp 393.9204785

Offerta di lavoro: OPERAIO METALMECCANICO

MAW S.p.A. agenzia per il lavoro, Filiale di Parma ricerca:


OPERAIO/A PER AZIENDA DEL SETTORE METALMECCANICO

La risorsa sarà inserita nel reparto produttivo e si occuperà della gestione di macchinari e linee produttive.
E' richiesta:
-esperienza pregressa in ambiti produttivi ( saranno
valutati profili con esperienza nel settore alimentare,
metalmeccanico e packaging)
-disponibilità a lavorare su turni.

La retribuzione sarà commisurata all'esperienza.


Luogo di lavoro: SOLIGNANO (PR)

FILIALE DI RIFERIMENTO:
VIA GRAMSCI, 27/A PARMA (PR)
ORARI APERTURA UFFICI:
DA LUNEDÌ A VENERDÌ 9.00 - 13.00 / 14.00 - 18.00
ORARI APERTURA AL PUBBLICO:
DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ 09.30 - 12.30 / 14.30 - 17.30
TEL 0521290223
FAX 0521941481
WWW.MAW.IT

Offerta di lavoro: LAMINATORE

MAW S.p.A. agenzia per il lavoro, Filiale di Parma per importante azienda del settore aeronautico e
aerospaziale, ricerca:


ADDETTO/A OPERATORE DELLA LAMINAZIONE DI MATERIALI COMPOSITI


con conoscenza e gestione autonoma dell'intero processo di lavorazione per i settori Automotive, Motorsport, Aerospace e Difesa.


Requisiti richiesti:
Conoscenza del disegno meccanico;
Precisione, dinamicità, flessibilità;
Esperienza minima di 2 anni;
Completano il profilo buone capacità di organizzazione e gestione, precisione, metodo, attitudine al problem solving ed al team work, flessibilità e buone competenze
relazionali.

Luogo di lavoro: VARANO DE’ MELEGARI (PR)

FILIALE DI RIFERIMENTO:
VIA GRAMSCI, 27/A PARMA (PR)
ORARI APERTURA UFFICI:
DA LUNEDÌ A VENERDÌ 9.00 - 13.00 / 14.00 - 18.00
ORARI APERTURA AL PUBBLICO:
DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ 09.30 - 12.30 / 14.30 - 17.30
TEL 0521290223
FAX 0521941481
WWW.MAW.IT

Il mondo del lavoro ricerca… Magazziniere

È da sempre uno dei lavori più richiesti, sia dalle aziende, sia da chi cerca lavoro. Essere magazziniere vuol dire fare davvero moltissime cose, cruciali nell’ambito produttivo in tantissimi settori. E questo vale a maggior ragione oggi: con il boom dell’e-commerce e delle consegne a domicilio, la figura del magazziniere riveste un ruolo sempre più importante per il commercio e le vendite.

Cosa fa il magazziniere - Per capire meglio cosa fa un magazziniere, chiudi gli occhi e prova a immaginare un enorme magazzino, pieno di scatoloni, materie prime e finite, con tantissime persone che si muovono, movimentano, organizzano. Ecco, benvenuto nel mondo del magazziniere.

In questo contesto il magazziniere è il professionista che, assieme ad altri collaboratori, ha il compito di gestire il magazzino e tutto ciò che vi ruota attorno, occupandosi quindi della ricezione, dello stoccaggio e della spedizione delle merci.

Il magazziniere si occupa, nello specifico, di:

-ricevere la merce e verificarne la documentazione;
-ispezionare la merce in entrata, perché sia corretta e integra;
-stoccare la merce nelle aree di competenza;
-organizzare le manovre di picking & packing;
-gestire i ritiri dei clienti;
-preparare i prodotti per la consegna;
-fare l’inventario del magazzino;
-controllare le giacenze e coordinarsi con l’ufficio acquisti.

Questa lunga lista descrive in modo completo le mansioni del magazziniere, ma non sempre a questa figura è richiesto di svolgerle tutte. Le aziende che pubblicano più offerte di lavoro per magazziniere sono impegnate nel settore della logistica, della vendita al dettaglio (qui rientrano anche gli e-commerce) e della vendita all’ingrosso. Dalle più grandi alle più piccole, tutte hanno un loro magazzino da gestire, ma ricorda: più grande sarà l’azienda, più l’offerta di lavoro sarà specializzata.

Come diventare magazziniere: la formazione - Se è vero che per fare il magazziniere è sufficiente il diploma di scuola superiore, è altrettanto vero che oggi la formazione non si ferma a questo. Se aspiri a una posizione di rilievo all’interno del magazzino di un’azienda (soprattutto se grande) sarà determinante frequentare un corso di formazione professionale. In questi programmi viene insegnato come si usano i principali macchinari coinvolti nelle mansioni di magazzino, come approcciarsi ai diversi dispositivi per la gestione dei colli, come occuparsi della documentazione di trasporto e amministrativa.

Inoltre, è bene ricordare che senza patentino per la guida di carrelli elevatori e transpallet non puoi andare da nessuna parte all’interno di un magazzino. Dal momento che è un requisito fondamentale, non aspettare che sia l’azienda a proporti di fare il corso, gioca d’anticipo e presentati al colloquio già munito di patentino. Il corso non è costoso ma ricorda che ha una durata di 5 anni, dopodiché dovrai rinnovarlo con un aggiornamento di 4 ore.

Le 5 competenze più richieste per i magazzinieri

  1. Avere una buona base amministrativa.
    È vero, non sei un contabile né un addetto dell’ufficio amministrativo, ma tra i compiti del magazziniere c’è anche la gestione della documentazione di trasporto, sia cartacea che informatizzata. Costruisciti una buona conoscenza dei principali software gestionali utilizzati nel settore, informati sulle ultime tecnologie di lettura codici e identificazione dei prodotti.
  2. Avere dimestichezza con i mezzi di movimentazione.
    Abbiamo già parlato dell’importanza di possedere il patentino per muletto e transpallet, ma lo ripetiamo perché tra tutte le competenze, questa è senz’altro una delle più richieste. Fai più possibile pratica con questi mezzi, per acquistare sicurezza e destrezza nell’utilizzo di strumenti manuali e motorizzati.
  3. Conoscere le lingue straniere.
    Sorpresa! Tra le competenze più apprezzate in fase di selezione per il lavoro di magazziniere c’è proprio la conoscenza di almeno 2 lingue straniere. Lavorare nel mondo dei trasporti (in modo più o meno diretto) significa entrare in contatto con persone di diverse nazionalità, e diventa quindi strategico conoscere altre lingue oltre l’italiano. Approfittane.
  4. Essere meticoloso e affidabile.
    Tra mezzi di movimentazione, grandi scaffalature, approvvigionamenti di magazzino e documentazioni ufficiali è essenziale dimostrarsi all’altezza del compito non solo a livello formativo ma anche personale. Una delle caratteristiche più apprezzate nella selezione di magazzinieri, infatti, è la precisione, che accompagnata all’affidabilità crea un binomio essenziale.
  5. Saper lavorare in autonomia.
    Come avrai chiaro, sono davvero molte le attività che interessano un magazziniere. Ecco perché spirito di iniziativa e una buona dose di autonomia sono ingredienti molto apprezzati dalle aziende che assumono magazzinieri. Non sempre c’è il tempo di spiegare e approfondire, più sei capace di fare da solo, più sarai d’aiuto per l’intera squadra.
1 2 3 7