Da Stoccolma a Buenos Aires, da Praga a Genova, da Parigi a Londra i cimiteri si trasformano in destinazioni turistiche, proprio come musei all’aperto dove si ammirano opere d’arte funeraria e si scoprono testimonianze del passato, ricche di fascino e di suggestione.

Al di là della sacra funzione di ogni cimitero, luogo che siamo abituati a visitare per ricordare qualcuno, esiste un aspetto che spesso passa in secondo piano: l’estetica. In certi cimiteri del mondo la bellezza si unisce alla sacralità per intensificare la forza del rapporto con la vita dopo la morte e l‘ultraterreno – caratteristica propria dell’arte sacra in generale.

Staglieno – Dal 1851 è il cimitero monumentale di Genova, nella Val Bisagno, ed è un luogo ricco di opere d’arte e di sculture, un museo all’aperto da non mancare quando si visita il capoluogo ligure. Nei suoi giardini, progettati dall’architetto Carlo Barabino, c’è una copia del Pantheon e l’Angelo di Monteverde è una delle sculture più famose. Merita una visita anche la tomba storica di Giuseppe Mazzini, ma è impossibile non recarsi nei luoghi dove risposano illustri e amati personaggi come Fabrizio De André, Fernanda Pivano ed Edoardo Sanguineti. E’ aperto tutti i giorni, dalle 7.30 alle 17; info: http://www.staglieno.comune.genova.it/

Cimitero Monumentale di Milano – un vero e proprio museo a cielo aperto in cui arte, cultura, religione e modernità si intrecciano: molto noto il Famedio, che accoglie la memoria dei grandi personaggi milanesi e non, tra cui spiccano il grande Alessandro Manzoni, Luca Beltrami, Carlo Cattaneo, Salvatore Quasimodo, Bruno Munari, Alda Merini. La sua architettura è una perfetta sintesi di tratti gotici e bizantini. I 250.000 metri quadri di questo cimitero ospitano una gamma infinita di esempi d’arte funebre, un vero e proprio libro aperto sui grandi cambiamenti vissuti tra la metà dell’Ottocento e la metà del Novecento dalla società cittadina ed anche italiana, passando attraversando il Romanticismo, per arrivare al Simbolismo e poi al tipico Liberty di Milano, dal Decò all’arte fascista fino a giungere ad alcune realizzazioni di estrema modernità. https://monumentale.comune.milano.it/

Père-Lachaise – Nel cimitero di Parigi la tomba più visitata è quella del musicista Jim Morrison dove fan da tutto il mondo vi lasciano biglietti, fiori e oggetti personali; eppure Père-Lachaise è il luogo dove riposano le spoglie di molti altri illustri personaggi: Oscar Wilde, Eugène Delacroix, Honoré de Balzac, Frédéric Chopin, Édith Piaf e Marcel Proust. E’ per questo che il cimitero rientra tra i monumenti da visitare nella capitale francese, facilmente raggiungibile e piacevole anche solo per una passeggiata tra i viali alberati e le opere d’arte funeraria, le tombe gotiche e i mausolei in stile antico. Info: https://www.parisinfo.com/

SkogskyrkogÃ¥rden – Il cimitero di Stoccolma è il primo che l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’Umanità. Sorge nel bosco di Enskede, quartiere a sud della capitale svedese, ed è un luogo magnifico, ricco di architetture e monumenti modernisti e dove le tombe giacciono su prati erbosi e sotto le chiome di piante secolari.
E’ un piacere camminare lungo i viali e i sentieri che si inoltrano nel bosco e arrivare alla semplice tomba dove riposa la grande attrice Greta Garbo. Suggestiva è Almhöjden, la collina della meditazione, ricoperta di olmi. E’ possibile visitare il cimitero anche con tour privati; info: https://skogskyrkogarden.stockholm.se/

Highgate Cemetery – E’ uno dei cimiteri di Londra e il più suggestivo della capitale britannica. Inaugurato a metà dell’Ottocento, ospita le spoglie di grandi personaggi come Karl Marx, George Elliot, Michael Faraday e la famiglia di Charles Dickens. Le tombe, molte delle quali di epoca vittoriana, si nascondono nella ricca vegetazione del camposanto, restaurato nel 1980. Per la sua particolare bellezza naturale, il cimitero di Highgate è l’unico inserito nel registro nazionale dei parchi e giardini dell’English Heritage, patrimonio culturale. Amato dai londinesi per le passeggiate nel verde, è famoso anche per le storie di fantasmi e di apparizioni. Info: https://highgatecemetery.org/

Recoleta – La ex first lady argentina Evita Perón, personaggio leggendario, risposa in questo grande cimitero di Buenos Aires circondato da giardini. Prende il nome dal quartiere che lo ospita, tra i più eleganti della capitale argentina, e rientra tra i luoghi da non perdere quando si visita la città. Costruito nel 1822, il cimitero è un monumento storico nazionale, un’opera d’arte con tombe, mausolei, lapidi riccamente decorati e una bellissima scultura del Cristo che domina la rotonda centrale. Info: https://turismo.buenosaires.gob.ar/en

Assistens – E’ il cimitero di Copenhagen e sorge in un parco cittadino, dove gli abitanti passeggiano, fanno jogging e si rilassano sull’erba a due passi dalle tombe. Il cimitero risale al 1760 e vi sono sepolti personaggi illustri danesi: dal filosofo Kierkegaard al celebre scrittore di fiabe Hans Christian Andersen; vi riposa anche lo scultore napoletano Giovanni Domenico, autore di opere rococò. Negli anni attorno al parco è nato il distretto Nørrebro, situato nella zona settentrionale di Copenaghen. Info: https://www.kk.dk/artikel/assistens-kirkeg%C3%A5rd-p%C3%A5-n%C3%B8rrebro/kirkegarden

Cimitirul Vesel – Non ci sono tombe di personaggi famosi né opere d’arte funebre da immortalare ma il Vesel è un cimitero molto particolare e originale, conosciuto anche con il nome di “cimitero allegro”. Sorge dal 1934 a Săpânța, nel distretto di Maramureș, nella Romania settentrionale, e ospita tombe lignee decorate e colorate con scene di vita quotidiana e a volte anche con poesie scherzose dedicate ai defunti. Il primo a decorare una tomba è stato lo scultore Stan Joan Patras, seguito poi da altri artisti che dal 1960 hanno decorato tutte le sepolture in legno.